POST COITAL TEST (PCT)

Il PCT rappresenta uno dei primi esami da effettuare nello studio della coppia infertile per le numerose informazioni che fornisce. Esso infatti esplora: la capacità di penetrazione degli spermi nel muco cervicale, la corretta deposizione degli spermi in vagina, la capacità di penetrazione degli spermi nel muco, l'eventuale ostilità del muco.

E' noto che il muco cervicale possiede qualità controllate dagli estrogeni e, pertanto, ha la sua massima produzione nella fase preovulatoria del ciclo. La sua funzione è quella di consentire il passaggio degli spermi fin dentro l'utero, attraverso canali che si formano in esso proprio durante il massimo picco estrogenico.

Diversi parametri si rivelano essenziali per una corretta penetrazione del muco: il suo volume, la sua viscosità, la sua filanza e la produzione di felcificazioni.

E' fondamentale monitorare la paziente con temperatura basale e dosaggi ormonali (e se necessario con controllo ecografico) per determinare esattamente il momento preovulatorio e pilotare il rapporto tra i due coniugi. Il prelievo del muco si effettua a 2 ore o poco più dal rapporto mentre al partner viene richiesta astinenza di 3-5 giorni.

Dalla logicità dei risultati il Curante deciderà se esistono fattori imputabili al partner maschile o a quello femminile o a entrambi e quindi potrà indirizzare le ricerche verso obiettivi più precisi (tests di penetrazioni crociate, ricerca di anticorpi, coltura del muco o del seme) o provvedere alle terapie adatte.